Nuovi beneficiari, nuovi manufatti, nuove contaminazioni tra culture: inizia il ciclo di corsi del Progetto Atelier del 2022. I corsi, giunti ormai alla loro terza edizione, hanno dato vita ad un’integrazione effettiva attraverso il recupero dei mestieri artigianali. Le antiche sapienze riposte nelle mani degli artigiani locali sono state e saranno tramandate a persone provenienti da mondi lontani che le arricchiranno del plusvalore dato dalle loro origini. Assisteremo, quindi, ad un percorso di vera e propria fusione tra le culture riversata in oggetti di uso quotidiano improntati alla logica dell’ecosostenibilità.

Il primo a partire, il 17 gennaio, è stato il corso di tessitura a Macerata a cura dell’ “AssociazioneArti e Mestieri di Macerata e Camerino”. Durante il corso i beneficiari avranno l’opportunità di apprendere le antiche tecniche di lavorazione dei tessuti attraverso l’utilizzo del telaio, baluardo dell’artigianato tessile locale maceratese. Qui assisteremo alla rinascita di un mestiere antico attraverso gli occhi dei migranti, portatori fieri delle loro culture.

A pochi giorni di distanza, il 28 gennaio, partirà il corso di sartoria a Lecce all’interno della prestigiosa Calcagnile Academy. I beneficiari, mediante l’apprendimento di tecniche di alta formazione sartoriale, daranno vita ad una capsule collection di abiti e borse. Il tessuto utilizzato è un tessuto sperimentale, che in virtù dell’imprescindibile logica di salvaguardia dell’ambiente, ha la particolarità di essere biodegradabile.

Ad Alghero, dal 3 febbraio, il Progetto Atelier si declinerà nell’apprendimento dell’arte della falegnameria. I beneficiari impareranno le tecniche di lavorazione del legno, materiale vivo, le cui venature levigate dalle mani dei migranti narreranno storie di viaggi, di sofferenza, ma soprattutto di determinazione e voglia di riscatto.

Ognuno dei corsi culminerà con un’esposizione delle creazioni, esperienza intellettuale ed artistica con cui i beneficiari potranno, in una logica di confronto diretto con il territorio, sentirsi realmente parte di una comunità.